Itinerari

Il paesaggio Salentino, scrigno di tesori naturali.

Il Salento è un territorio colmo di profumi, colori e sapori che si mescolano tra loro in perfetta armonia. Potendo camminare, percorrendo il territorio in lungo e in largo, potremmo subito avvertire il risveglio dei nostri sensi. Gettando lo sguardo dal mare sull’entroterra, lungo la fascia costiera, si può scorgere la fitta macchia mediterranea , colma di cespugli bassi e sempre verdi, come il timo e il rosmarino, addobbata, solo per alcuni periodo dell’anno, da bacche rosse, gialle e bluastre.
Nelle verdi praterie che si distinguono nel territorio, possiamo trovare i giuggioli ed i corbezzoli, siepi con dolci frutti saporitissimi di colore rosso per il corbezzolo e marroncino nel caso del giuggiolo. Proprio la campagna, tenera madre che ha sempre ricambiato lo sforzo dei suoi figli contadini, in primavera, si riempie di una moltitudine di colori e di profumi che si diffondono nell’aria pulita, leggera e ricca di iodio, quello del cisto, del mirto e del lentisco e delle numerose infiorescenze che sbocciano colorate tra la tenera erbetta. Il papavero, con il suo colore rosso vermiglio, primeggia tra le giunchiglie, le fresie selvatiche, i ciclamini, gl’iris, i gladioli e le orchidee mediterranee; i muretti a secco ed i trulli rendono lo scenario davvero unico, intatto ed antico.
Nel Salento, seppur sprovvisto di catene montuose e di fiumi, non mancano i laghi, contornati da grandi boschi di pino che si specchiano nell’acqua placida. Incantevole è il paesaggio che si può incontrare nell’area dei Laghi Alimini e delle Cesine . Altro bellissimo e suggestivo paesaggio, dove pini, mare e roccia creano un connubio unico ed inconfondibile, lo si scorge nell’area protetta di Porto Selvaggio . In questo angolo di paradiso incontaminato, dove i pini fanno capolino ad una costa scoscesa, si trovano anfratti e scendendo a piedi, lungo la pineta, dopo una bella e rigenerante camminata, si possono raggiungere delle vere e proprie insenature naturali, oasi di straordinaria e suggestiva bellezza, dove i pini sembrano inginocchiarsi sulla sabbia finissima, come in una riverenza, e cedono lo spazio al mare verde, smeraldo e cristallino.
Il Salento, è privo di fiumi in superficie ma nel sottosuolo e ricco di acqua grazie a degli immensi inghiottitoi, noti come le Vore, attraverso i quali l’acqua piovana s’incanala nel sottosuolo.
Lungo il mare possiamo trovare varie tipologie di costa: quella bassa e sabbiosa con mare smeraldo e cristallino, quella rocciosa, alta e imponente che si getta a picco nel mare blu profondo e quella frastagliata, fatta di scogli brulicati da una moltitudine di animali marini.
Il Salento non è solo mare ma un vero e proprio scrigno colmo di tesori, patrimonio di questa Italia così affascinante e meravigliosa.
Stefania Rotondaro